BitEconomy
imparare forex cos e

Imparare il Forex: fare trading e conoscere il forex

Quando si parla di Forex molti storcono il naso credendo si tratti della solita “truffa” online; niente di più lontano della realtà.

Quando si vuole fare trading la parola d’ordine è studiare: non si può far nulla senza aver prima imparato a conoscere la finanza e gli strumenti che si hanno a disposizione.

Il foreign exchange market (scambio di valuta estera) altro non è che il mercato di scambio delle valute cui partecipano ogni giorno grandi banche, banche centrali, speculatori valutari, imprese multinazionali, governi, e altri mercati finanziari.
Da questa definizione avrete capito che di per se il forex altro non è che un mercato regolamentato cui possono affacciarsi varie realtà, compresi governi e banche centrali. Gli scambi in vendita e in acquisto delle valute ne va quindi a determinare il prezzo di vendita e di acquisto, come succede per qualunque altro strumento finanziario.

Qui trovi le migliori piattaforme CFD sul Forex
Qui trovi i migliori libri per iniziare ad imparare

Come si fa trading sul Forex?

Fino a pochi anni fa, il trading sul forex (quindi sul mercato delle valute) era accessibile solo alle grande istituzioni, oggi grazie a vari broker è possibile a chiunque sia maggiorenne provare a fare trading sul forex. Grazie ai CFD (contratti per differenza), ognuno di noi può fare trading anche sul forex con investimenti davvero minimi sfruttando la leva finanziaria, ma a questo ci arriviamo con calma.

Cos’è il forex?

Quindi ricapitolando, quello che abbiamo finora compreso sul Forex

  • è un mercato regolamentato dove si scambiano le valute
  • oggi tutti possono fare trading sul forex grazie alle piattaforme messe a disposizione dai broker
    qui le migliori piattaforme

Funzionamento del mercato Forex

Il mercato del forex è enorme e non ha alcune sede fisica, tutte le transazioni sono gestite a livello informatico e gli ordini si possono fare tramite internet o telefono. Si tratta quindi un mercato OTC (Over The Counter), fuori dai vincoli dei circuiti di borsa.

Ma vediamo in pratica cosa è il forex. Abbiamo detto che ci si scambiano valute e questo può essere fatto solo “a coppie”, quindi “euro contro dollaro”, “dollaro contro yen” ed il prezzo di scambio è naturalmente fatto dal mercato.

Prendiamo ad come esempio la coppia eurp dollaro

EUR/USD che è quotata 1,09

La valuta a sinistra è detta valuta base, quella di destra è la valuta secondaria o quotata. Nel nostro esempio abbiamo euro su dollaro a 1,09 che significa che per acquistare 1 euro servono 1,09 dollari. Negoziare significa vendere una valuta e acquistare l’altra, cioè andremo ad acquistare euro e vendere dollari se pensiamo che quest’ultimi perderanno valore rispetto ai primo ovvero che l’euro si apprezzerà sul dollaro.

Long e short

Sempre partendo dal nostro esempio EUR/USD possiamo fare le seguenti operazioni nel forex:

  • long: al rialzo, prevediamo che l’euro si rafforzi sul dollaro e lo acquistiamo a discapito del dollaro.
  • short: al ribasso, prevediamo lo scenario opposto quindi l’euro che perde quota sul dollaro e lo vendiamo in favore della moneta statunitense.

Ovviamente resta fondamentale la posizione nel rapporto VALUTA1/VALUTA2, long è sempre al rialzo per la valuta 1 sulla 2.

Bid, ask e spread nel forex trading

Altro concetto molto importante è quello di BID e ASK: Bid è il prezzo di acquisto di una valuta in un dato momento, ask è il prezzo di vendita nello stesso momento. La differenza tra bid e ask è lo spread che è sostanzialmente il costo che applica il broker per il suo servizio di intermediazione. Ovviamente minore è la differenza tra bid e ask, meglio è per voi.
Questo significa anche che se teoricamente si acquistasse e si vendesse una stessa valuta nello stesso istante si avrebbe una perdita pari allo spread.

Qual è quindi il grande vantaggio di fare trading sul forex?

Rispetto ad investire in azioni o fondi comuni, dove occorre sperare nell’andamento positivo dei mercati o della singola azienda, con il forex si può guadagnare potenzialmente sempre, indipendentemente dalla congiuntura economica.

Come aprire un conto e iniziare a fare trading sul Forex

Una soluzione facile e alla portata di tutti è quella di investire nel forex sfruttando degli strumenti finanziari chiamati CFD (contratti per differenza) grazie ai quali si può negoziare al rialzo e al ribasso su vari tipi di asset come azioni ed anche coppie valutarie (oltre che con criptovalute, materie prime, indici, …).
Per cui con un CFD non si acquista concretamente l’asset sottostante ma direttamente il CFD il cui valore ovviamente dipenderà dall’asset cui si riferisce e nel nostro ragionamento ad una coppia di valute a nostra scelta.

Per cui si punterà al rialzo o al ribasso per una determinata valuta base in relazione alla secondaria, secondo le nostre previsioni.

Quello che occorre per iniziare, principalmente è:

  • essere maggiorenni
  • studiare: non si può andare a caso ma le nostre azioni vanno coordinate da uno studio di fondo
    Qui segnalo i migliori libri sul forex
  • aprire un conto presso un broker affidabile: costano zero, hanno conti demo ed il deposito minimo è basso
    Qui segnaliamo le migliori piattaforme
  • comprendere le dinamiche che regolano il mercato in cui si intende far trading
  • iniziare a fare trading mettendo a rischio solo un capitale che possiamo anche perdere totalmente senza che ciò comprometta la nostra situazione finanziaria

Investire nel forex, quindi fare trading attraverso questi CFD permette anche a chi ha pochi fondi di investire, di ottenere profitti potenziali alti grazie allo sfruttamento delle leva finanziaria. Questa consente di muovere somme di denaro di cui non si dispone effettivamente: con una leva classica per non professionisti di 1:30, con 100 euro investiti concretamente si muovono ben 3000 euro.
Questo significa concretamente che se da un lato ho la possibilità di guadagni potenzialmente molto alti rispetto al capitale messo a rischio, dall’altro si comprende che sarà anche molto facile perdere il denaro investito: la leva è sostanzialmente un moltiplicatore di rischio.

Di conseguenza, la nostra indicazione è di non investire se non si sa ciò che si sta facendo. Studiate, aprite un conto demo ma confrontatevi poi anche con la realtà perché solo così si impara.

 

 

Gli autori di bitEconomy.it non propongono mai consigli finalizzati a sollecitare il pubblico risparmio oppure consulenza all’investimento in titoli azionari, contratti future, opzioni, fondi comuni o in qualsiasi altro strumento finanziario. L’attività del sito non costituisce consulenza personalizzata così come indicato dal D.Lgs. 58/98, così come modificato dal successivo D.Lgs. 167/2007.